Chi lo usa per condire l’insalata forse non sa che dopo mangiato potrà versare una quantità d’aceto di mele in un bicchiere diluito con acqua e dimagrire naturalmente. Conoscere meglio il prodotto vuol dire perdere peso e sentirsi in forma e guardare con occhi diversi un condimento dalle tante virtù nascoste.

Dimagrire con l’aceto di mele: proprietà e modalità d’assunzione

L’aceto di mele è conosciuto da molti secoli in quanto usato sia per disinfettate le ferite, curare le malattie delle pelle che per condire le pietanze in cucina.  Scopriamo un’altra qualità di questo rimedio naturale.

Proprietà dimagranti dell’aceto di mele

A rendere valida la teoria dimagrante dell’aceto di mele è la pectina che cattura gli zuccheri presenti nell’intestino e garantisce un tasso glicemico basso nel sangue, favorendo lo scioglimento dei grassi sottocutanei. La pectina migliora i procedimenti digestivi sgonfiando l’addome e inoltre regola l’appetito regalando una sensazione di sazietà duratura. I benefici dell’aceto di mele non finiscono qui: stimola il drenaggio del corpo e contrasta la ritenzione idrica, responsabile maggiore dell’inestetico problema della cellulite. Agendo sull’intestino aiuta ad espellere i residui tossici che spesso si depositano nell’organismo e sono causa del metabolismo lento, gonfiori localizzati e cattiva digestione.

Modalità d’uso

La quantità di aceto di mele necessaria a produrre effetti visibili nel corpo dipende molto da quanti chili si desidera perdere. L’assunzione di due o tre cucchiai di aceto di mele per circa tre settimane in un bicchiere d’acqua è consigliabile come trattamento d’urto per chi ha reali problemi di sovrappeso. Quando si tratta di qualche chiletto di troppo localizzato sui glutei, addome e cosce è possibile la sola aggiunta di un cucchiaio in poca acqua preferibilmente tiepida o a temperatura ambiente. L’ideale sarebbe assumere la bevanda a digiuno appena svegli per attivare il metabolismo dell’organismo e ripetere il procedimento mezz’ora prima del pranzo e della sera. Il sapore dell’aceto di mele non risulta particolarmente gradevole al palato e per questo si consiglia di accompagnare la bevanda con qualche goccia di miele. Se proprio diventa impossibile l’assunzione in vendita presso le erboristerie e farmacie esistono prodotti alternativi ad alta concentrazione di aceto di mele.

Tre cucchiai d’aceto di mele non fanno miracoli ma di sicuro aiutano a dimagrire seguendo un’alimentazione sana e una corretta attività sportiva. Sconsigliato l’uso del prodotto per chi soffre di gastrite, esofagite da reflusso in quanto può causare bruciori e irritazioni agli apparati digerenti.